Dimensioni Minime Bagno: Cose da Sapere per un Bagno a Norma

Request quote

Invalid number. Please check the country code, prefix and phone number
By clicking 'Send' I confirm I have read the Privacy Policy & agree that my foregoing information will be processed to answer my request.
Note: You can revoke your consent by emailing privacy@homify.com with effect for the future.

Dimensioni Minime Bagno: Cose da Sapere per un Bagno a Norma

Claudia Adamo – homify Claudia Adamo – homify
Industrial style bathroom by NOMADE ARCHITETTURA E INTERIOR DESIGN Industrial
Loading admin actions …

Quando si parla di bagno, non bisogna considerare soltanto l'elemento acqua: ovviamente il bagno è quell'ambiente della casa dove ci si rifugia per la cura e l'igiene, ma in realtà è uno spazio che contempla anche la presenza dell'elettricità; di conseguenza, è opportuno rivolgersi ad esperti che conoscano tutte le norme affinché realizzino un bagno perfettamente in regola con le disposizioni previste. Inoltre, osservare tutte le leggi in merito alla suddetta divisione non è soltanto obbligatorio, ma è l’unica certezza per avere spazi abitativi confortevoli, oltre che sicuri.

Nel momento in cui si ristruttura un'abitazione o se ne costruisce una nuova abitazione, è obbligatorio attenersi alle norme igienico-edilizie e di sicurezza che regolano le caratteristiche degli alloggi abitativi e delle singole stanze. Tali norme sono il Decreto ministeriale Sanità del 5 luglio 1975, che regola la materia a livello nazionale, ma soprattutto il Regolamento edilizio di cui ciascun Comune è dotato. Come dice stesso il nome, questo strumento viene redatto da ogni singolo ente di governo locale, in virtù dell'autonomia normativa di cui beneficia sulla base della legislazione nazionale e regionale. Con il Regolamento edilizio il Comune disciplina le caratteristiche degli edifici e delle loro pertinenze, le destinazioni d’uso degli stessi, le attività di trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio comunale, sul suolo e nel sottosuolo, le procedure e le responsabilità amministrative di verifica e di controllo. 

In parole povere, è la legge a cui chi costruisce o ristruttura anche solo il bagno della propria abitazione deve fare riferimento per ogni singolo aspetto che riguarda la parte progettuale del locale.

Scopriamo quanto detto nel dettaglio.

Quanto deve misurare un bagno?

La legge del 5 luglio 1975 in realtà non stabilisce una superficie minima o massima per il bagno, ma elenca gli elementi indispensabili: WC, bidet, vasca da bagno o doccia, lavabo. Invece, per sapere le misure minime e massime di un bagno, occorre controllare il regolamento del comune di appartenenza. Possiamo comunque fare un esempio: si prenda in considerazione il Regolamento edilizio del Comune di Milano attualmente vigente e in vigore dal 20 ottobre 1999, anche se di prossima revisione o sostituzione. Tale regolamento indica per il primo o singolo bagno di un’abitazione una superficie minima di 3,5 mq e, se la casa è più ampia di 70 mq, il bagno deve avere il lato minore con una misurazione minima di 170 cm. 

Se l'abitazione possiede anche un secondo bagno, questo deve avere superficie minima di 2 mq e, in abitazioni con metrature superiori a 70 mq, deve avere il lato corto di almeno 120 cm. In altre città italiane, le metrature richieste per il bagno possono essere superiori o addirittura inferiori rispetto a quelle previste per il comune di Milano, oppure località in cui non è previsto l’obbligo di una superficie minima per il bagno o territori urbani dove è importante solo la presenza dei pezzi indispensabili.

In sostanza, prima di costruire o ristrutturare il bagno ci si deve informare presso l’ufficio tecnico del Comune per sapere che cosa dice la normativa comunale.

Finestra sì, finestra no

La legge nazionale del 5 luglio 1975 stabilisce che in ogni divisione di un’abitazione ci sia illuminazione naturale diretta, eccenzion fatta per bagni e altri locali come il ripostiglio. Per quanto riguarda il bagno, la norma impone un'apertura all'esterno per il ricambio dell'aria o un impianto di aerazione meccanica e funzionante. In questo caso la normativa locale fornisce in genere indicazioni più restrittive, specificando nel dettaglio tutti i requisiti in tema di aeroilluminazione naturale. Utilizzando ancora una volta il regolamento edilizio del Comune di Milano come esempio, si legge che almeno un bagno dell’abitazione deve avere una finestra apribile, della misura non inferiore a 0,50 mq, per il ricambio dell’aria. In caso di abitazioni fino a 70 mq, purché con una sola camera da letto (anche a due letti) e di case con almeno un altro bagno dotato di finestra è consentita invece l’aerazione attivata (art. 48 del Regolamento edilizio del Comune di Milano).

L'aspirazione tramite macchinario nei bagni ciechi deve inoltre assicurare un volume di ricambio d'aria di minimo 6 volumi/ora in espulsione continua, mentre se l'espulsione è intermittente a comando automatico deve assicurarne ben 12 volumi/ora; inoltre, per quest'ultimo caso, bisogna che sia adeguatamente temporizzato per assicurare almeno 3 ricambi per ogni utilizzazione dell’ambiente. Questo significa che si può trasformare un ripostiglio oppure utilizzare un altro vano privo di finestra per ricavare un secondo bagno, purché si seguano le indicazioni del Regolamento edilizio in merito all’aerazione attivata.

Altezza minima e disimpegno

Riferendoci ancora una volta alla legge nazionale, l’altezza minima interna dei bagni a differenza di quella per le altre divisioni che deve essere minimo 270 cm, può essere ridotta a 240 cm. Questo significa che se l’abitazione ha soffitti molto alti, è possibile ridurre l'altezza del soffitto in bagno e ricavare così dei vani tecnici o ripostigli sospesi in quota.

Un'altra particolarità di molti comuni italiani in merito al bagno delle abitazioni riguardo la divisione tra bagno e cucina: ad esempio, ancora una volta il Regolamento del Comune di Milano stabilisce che il bagno, o comunque l’ambiente contenente il vaso igienico, sia disimpegnato dalla cucina mediante un apposito vano delimitato da serramenti, che può essere l’antibagno, il corridoio o un atrio. Nell’antibagno si può collocare eventualmente il lavabo.

L'impianto elettrico in bagno

La norma Cei 64/8 riguarda gli Impianti elettrici domestici e ne stabilisce le prestazioni minime, prescrivendo l’installazione di un numero minimo di punti presa per l’energia separati e di punti luce in funzione del tipo del locale, della dimensione e del livello prestazionale dell’impianto. Lo standard minimo per il bagno richiede almeno 2 punti presa: solitamente una in corrispondenza dello specchio e una per la lavatrice, e due punti luce. Ancora, la variante V3 alla suddetta norma prescrive che il comando dei punti luce di ogni locale deve essere posto almeno nei pressi dell’ingresso del locale stesso, non importa se interno o esterno e ovviamente, vi possono essere anche punti di comando posizionati in altri posti, purché aggiuntivi a quello menzionato.

Norma Cei 64-8

I locali contenenti bagni o docce sono classificati come luoghi a rischio aumentato, con riferimento alla sicurezza contro i contatti elettrici. Nei locali contenenti bagni o docce è opportuno prevedere l’adozione di precauzioni particolari, con lo scopo di evitare condizioni pericolose per le persone. L’impianto elettrico in bagno deve essere eseguito con maggiori prescrizioni tecniche rispetto agli altri ambienti. La norma Cei 64-8 riporta le prescrizioni particolari per realizzare l’impianto elettrico in bagno. La progettazione e l’installazione degli impianti elettrici nei locali contenenti bagni e docce deve tenere in considerazione quattro zone, caratterizzate da un pericolo decrescente a mano a mano che ci si allontana dal bordo della vasca da bagno e/o della doccia:

  1. zona 0: è individuata dal volume interno alla vasca da bagno o al piatto doccia. Per le docce senza piatto, l’altezza della zona 0 è di 10 cm e la sua superficie ha la stessa estensione orizzontale della zona 1. Data la presenza di acqua in condizioni normale di utilizzo, questa zona deve essere considerata ovviamente la più pericolosa.
  2. zona 1: è quella sovrastante la vasca da bagno o il piatto doccia fino a un’altezza di 225 cm. Nel caso in cui il fondo della vasca o della doccia sia a più di 15 cm sopra il pavimento, la quota di 225 cm verrà misurata a partire dal fondo e non dal pavimento. Per le docce senza piatto la zona 1 si estende in verticale per 120 cm dal punto centrale del soffione posto a parete o a soffitto. La zona 1 non include la zona 0, e lo spazio sotto la vasca da bagno o la doccia è considerato zona 1.
  3. zona 2: comprende lo spazio immediatamente circostante la vasca da bagno o il piatto doccia, estesa fino a 60 cm in orizzontale e fino a 225 cm in verticale, con la distanza verticale misurata dal pavimento. Per le docce senza piatto non esiste una zona 2, ma una zona 1 aumentata a 120 cm come indicato al punto precedente. 
  4. zona 3: si ottiene dal volume esterno alla zona 2, o della zona 1 in caso di mancanza del piatto doccia, fino alla distanza orizzontale di 240 cm. Tutti i componenti dell’impianto elettrico installati in ciascuna zona devono possedere precisi requisiti in termini di grado di protezione (idoneità alle condizioni ambientali) e di protezione dai contatti indiretti, entrambi indicati indicati dai gradi di protezione IP.

Queste quattro zone non si estendono all’esterno del locale attraverso le aperture: questo vuol dire che l’interruttore posto fuori dalla porta del bagno è ammissibile, anche se dista a meno di 60 cm dal bordo della vasca e/o del piatto doccia.

Modern houses by Casas inHAUS Modern

Need help with your home project?
Get in touch!

Discover home inspiration!