Ampliare Casa Sfruttando il Terrazzo: Modalità e Costi

Request quote

Invalid number. Please check the country code, prefix and phone number
By clicking 'Send' I confirm I have read the Privacy Policy & agree that my foregoing information will be processed to answer my request.
Note: You can revoke your consent by emailing privacy@homify.com with effect for the future.

Ampliare Casa Sfruttando il Terrazzo: Modalità e Costi

Alberti Laura Anna Maria Alberti Laura Anna Maria
by luca bianchi architetto Minimalist
Loading admin actions …

In casa, si sa, lo spazio non basta mai. Ci vorrebbe sempre una stanza in più, un bagno in più. Due camerette per far star comodi i bambini e regalare loro, quando crescono, un po’ di privacy; o magari un altro bagno, per evitare di litigarselo al mattino. Tuttavia, non sempre è possibile alzare un piano, sfruttare una taverna, suddividere gli interni in modo da creare una stanza in più. La soluzione, specie se si parla di abitazioni di piccole o medie dimensioni, è l’ampliamento della casa sul terrazzo.

In questo articolo vedremo con quali modalità un intervento di questo tipo si può realizzare, quali sono i costi di un ampliamento casa sul balcone, come si regala al piano casa un ampliamento sul terrazzo. Vi forniremo preziosi consigli, e vi daremo un’idea della spesa da affrontare.

Ampliare casa: la soluzione più semplice

Per ampliare casa, se ce ne fosse la possibilità, la migliore delle soluzioni sarebbe quella di procedere con una ristrutturazione completa dei suoi interni, così da ridisegnare gli spazi (sfruttando magari le agevolazioni fiscali previste da chi ristruttura). Tuttavia, quando questo non fosse possibile, si può pensare ad un ampliamento della casa sul terrazzo: è un’opzione sicuramente meno costosa, questa, ed è anche più veloce da realizzare. Soprattutto se si impiega una struttura d’alluminio con vetrate scorrevoli, che può sostituire un’intera parete e che regala alla nuova stanza una grande luminosità. 

Ovviamente, non si parla in questo caso di un ampliamento della casa sul balcone atto alla realizzazione di un bagno, o di una camera: si presta di più alla realizzazione, all’interno del vecchio terrazzo, di un salottino (o magari di una cucina, di uno studio o di una stanza dei giochi per i bambini). La sensazione sarà infatti quella di trovarsi all’aria aperta e, per realizzare questo tipo ampliamento casa, i costi saranno contenuti, specie se si utilizza un modulo prefabbricato da poggiare su travetti in calcestruzzo e da assicurare poi con elementi metallici, su di una parete già esistente.

Ampliamento casa sul terrazzo: cosa dice la legge

Scelta molto frequente da chi necessità di una stanza in più, l’ampliamento della casa sul terrazzo deve però rispondere alla normativa vigente. Se si realizza una veranda coperta, infatti, si ha di fatto un ambiente aggiuntivo che può rispondere ad un’esigenza ed essere sfruttato tutto l’anno; tuttavia, trattandosi di vere e proprie costruzioni che comportano un aumento della volumetria del fabbricato e quindi della superficie della casa, devono necessariamente sottostare ad alcune leggi. Innanzitutto, quando è possibile un’estensione del piano casa con ampliamento sul terrazzo? Quando esiste una volumetria residua e quando, la nuova veranda, permette di rispettare i rapporti aeroilluminanti stabiliti dal Regolamento Edilizio del proprio Comune.

Per costruire una veranda sul proprio balcone, è necessario chiedere all’Ufficio Comunale competente il Permesso a Costruire e – se si è in condominio – il permesso unanime da parte di tutti gli altri condomini. Una volta termini i lavori dell’ampliamento della casa sul balcone, si dovrà aggiornare la scheda catastale: una veranda chiusa, inoltre, comporta anche una variazione delle quote millesimali che andrà ad incidere sulla ripartizione delle spese condominiali.

I costi dell’ampliamento casa sul terrazzo

A differenza di quanto comporta una ristrutturazione completa, se si sfrutta il terrazzo, per questo tipo di ampliamento casa i costi sono in genere contenuti. Quali sono questi costi? Innanzitutto, quelli dei permessi: è necessario rivolgersi ad un professionista iscritto all’albo (un geometra o un architetto), che possa realizzare lo studio di fattibilità e il progetto da presentare in Comune per ottenere il Permesso di Costruire. C’è poi il costo dell’ampliamento vero e proprio, che varia a seconda dei materiali utilizzati: in linea di massima, si parla di 1.000 euro/mq per una struttura in cemento armato, di 800-900 euro/mq per una struttura in legno grezzo, di 150 euro/mq se si utilizza una struttura prefabbricata (utilizzabile per ampliare di circa il 20% una casa di piccole-medie dimensioni), di 250 euro/mq per una struttura in alluminio.

Ampliamento casa sul terrazzo: la cucina

Veranda Minimal style conservatory by homify Minimalist
homify

Veranda

homify

Un tipico esempio di ampliamento casa sul terrazzo, è quello della realizzazione della cucina. Una scelta fatta, in genere, da chi ha un open space destinato alla zona dining e living, ma vuole spostare la cucina in una stanza a sé. In questo caso, si andrà tipicamente a trattare il piano casa con un ampliamento sul terrazzo mediante l’installazione di pilastri e travi in legno lamellare (o in calcestruzzo), da posizionare in corrispondenza degli elementi portanti esistenti; il telaio, monterà poi grandi superfici vetrate dalle caratteristiche termo-isolanti, alcune fisse ed altre apribili, che garantiscano il risparmio energetico e che rispettino le normative vigenti relative agli ambienti abitabili.

Ampliamento casa sul terrazzo: il bagno

E se invece volessimo sfruttare il terrazzo, per costruire un secondo (o un terzo) bagno? In questo caso, si può accedere al piano volumetrico del Piano Casa per l’ampliamento su terrazzo, dopo un’opportuna verifica da parte di un tecnico abilitato. Per un bagno, non ci sono infatti dimensioni minime da rispettare in termini di superficie (se non si tratta del bagno principale), e non è necessario neppure inserire una finestra né tutti i sanitari, ma ci sono regole da rispettare: l’altezza minima deve essere di 240 metri, ed è fondamentale che ci sia la colonna degli scarichi. Il principale vincolo per la realizzazione di un bagno è proprio questo: la disponibilità, nel raggio di 4 metri, della colonna degli scarichi per le acque reflue. In caso contrario, un ampliamento atto a questo scopo risulterebbe fuori legge.

Interessato a questo argomento?! Leggi anche:

Come Fare una Veranda Chiusa Senza Permessi

Ristrutturare Casa nel 2018: Tutti i Permessi e Come Ottenerli

Modern houses by Casas inHAUS Modern

Need help with your home project?
Get in touch!

Discover home inspiration!